Skip to content

FREEFRAMY.COM

Freeframy

Scarica quanne nascette ninno


  1. Quanno Nascette Ninno
  2. Il Torrione di Forio
  3. Coro Cantori di Assisi - Quanno nascette Ninno
  4. Quanno nascette Ninno

Download. "Quanno nascette Ninno". Nuova compagnia di Canto Popolare. Canti natalizi napoletani Quanno nascett. File audio MP3 MB. Download. Quanno Nascette Ninno. Download MP3 (optional): Download · Back. Quanno nascette Ninno (Alfonso Maria de' Liguori) How to download See also Neapolitan bagpipe carol (Quando nascette ninno). Quanno nascette Ninno è un canto natalizio in napoletano, scritto da sant'Alfonso Maria de' .. Crea un libro · Scarica come PDF · Versione stampabile. Sant'Alfonso Maria De' Liguori: "Quando nascette Ninno". Versione questo file: Quanno nascette Ninno Formato, Bitrate, Scarica, Stato, Tempo di codifica.

Nome: scarica quanne nascette ninno
Formato: Fichier D’archive
Sistemi operativi: Android. iOS. MacOS. Windows XP/7/10.
Licenza: Gratuito (* Per uso personale)
Dimensione del file: 60.71 MB

Scarica quanne nascette ninno

Novità e grandi classici. Idee, incontri, eventi. Dal libri e musica. Per tutti. Dall'incontro con l'autore alla musica live.

Pe 'nsí o fieno sicco e tuosto Che fuje puosto - sotto a Te, Se 'nfigliulette, E de frunnelle e sciure se vestette. A no paese che se chiamma Ngadde, Sciurettero le bigne e ascette ll'uva. No 'nc'erano nemmice pe la terra, La pecora pasceva cu 'o lione; Cu 'o capretto - se vedette 'O liupardo pazzeà; Ll'urzo e 'o vitiello E co lo lupo 'n pace 'o pecoriello. S'arrevotaje 'nsomma tutt'o Munno, Lu cielo, 'a terra, 'o mare, e tutt'i gente.

Chi dormeva - se senteva 'N pietto 'o core pazzeà Pe la priezza; E se sonnava pace e contentezza.

Guardavano le pecore 'i Pasturi, E n'Angelo sbrannente chiù dô sole Comparette - e lle dicette: No ve spaventate no; Contento e riso La terra è arreventata Paraviso. A vuie è nato ogge a Bettalemme Dô Munno ll'aspettato Sarvatore.

Dinto 'i panni 'o trovarrite, Nu potite maje sgarrà, Arravugliato, E dinto a lo Presebbio curcato. A meliune ll'Angiule calate Co chiste se mettetteno a cantare: Gloria a Dio, pace 'n terra, Nu chiù guerra - è nato già Lo Rre d'ammore, Che dà priezza e pace a ogne core. Sbatteva 'o core 'n pietto a ssi Pasture; E ll'uno 'n faccia a ll'auto diceva: Che tardammo? Co 'a scusa de donare li presiente Se jetteno azzeccanno chiano chiano.

Po assieme se mettetteno a sonare E a cantà cu ll'Angiule e Maria, Co na voce - accossí doce, Che Giesù facette: ah aah E po chiudette Chill'uocchie aggraziate e s'addormette. La ninna che cantajeno me pare Ch'avette a esse chesta che mo dico. Gioia bella de sto core, Vorria suonno arreventare, Doce, doce pe te fare Ss'uocchie bell'addormentà. T'amo, t'a Uh sta canzona Già t'ha fatto addobeà!

T'amo Dio - Bello mio, T'amo Gioja, t'amo, t'a Llo 'nfierno sulamente e 'i peccature Ncocciuse comme a isso e ostinate Se mettetteno appaura, Pecchè a scura - vonno stà Li spurtegliune, Fujenno da lo sole li briccune. Io pure songo niro peccatore, Ma non voglio esse cuoccio e ostinato. Io non voglio chiù peccare, Voglio amare - voglio stà Co Ninno bello Comme nce sta lo voje e l'aseniello.

Quanno Nascette Ninno

Nennillo mio, Tu si sole d'ammore, Faje luce e scarfe pure ô peccatore Quanno è tutto - niro e brutto Comme 'a pece, tanno cchiù Lo tiene mente, E 'o faje arreventà bello e sbrannente. Aggio tuorto - aie, fosse muorto N'ora primma de peccà!

Tu m'haje amato, E io pe paga t'aggio maltrattato! A vuje, uocchie mieje, doje funtane Avrite a fa de lagreme chiagnenno Pe lavare - pe scarfare Li pedille de Giesù; Chi sa pracato Decesse: via, ca t'aggio perdonato. Viato a me si aggio sta fortuna! Che maje pozzo chiù desiderare?

Nella traduzione , il termine Ninno , è stato tradotto con il nome Bambino e non con Gesù , nonostante si riferisca a lui, poiché questo in italiano vuol dire Bambino.

Quando nacque il Bambino a Betlemme Era notte e pareva mezzogiorno.

Il Torrione di Forio

Subito si svegliarono gli uccelli Cantando in una forma tutta nuova: Persino i grilli con gli strilli, saltando di qua e di là; È nato, è nato, Dicevano, il Dio, che ci ha creato. Nonostante fosse inverno, Bambino bello, Spuntarono migliaia di rose e di fiori. Non c'erano nemici per la terra, La pecora pascolava con il leone; Con le caprette si vide Il leopardo giocare; L'orso e il vitello E con il lupo in pace l'agnellino.

Chi dormiva si sentiva Nel petto il cuore saltare Per l'allegria; E si sognava pace e contentezza.

Guardavano le pecore i Pastori, E un Angelo splendente più del sole Comparve e disse loro: Non vi spaventate, no! C'è felicità e riso: La terra è divenuta Paradiso.

Coro Cantori di Assisi - Quanno nascette Ninno

Per voi oggi a Betlemme è nato L'atteso Salvatore del Mondo. Lo troverete, non potete sbagliarvi, Avvolto nelle fasce E adagiato nella mangiatoia.

Milioni gli Angeli calarono Con questi si misero a cantare: Gloria a Dio e pace in terra, Non più guerra - è nato già Il Re d'amore, Che dà allegrezza e pace a ogni cuore. Sbatteva il cuore in petto ai Pastori; E l'uno all'altro diceva: Perché aspettiamo? Rimasero incantati a bocca aperta, Per tanto tempo senza dire parola; Poi fecero - lacrimando - Un sospiro per dare sfogo ai loro sentimenti.

Dal profondo del cuore con mille gesti emisero il loro amore. La ninna nanna che cantarono mi pare Dovesse essere quella che ora dico. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Storia e Storie. Giuseppe Verdi asseriva che il Natale non sarebbe più Natale senza i versi di "Tu scendi dalle stelle", il canto natalizio italiano per antonomasia, quella che più di tutte scalda i cuori e ci fa riflettere sul grande mistero della Natività.

Venne pubblicata per la prima volta nel con il nome originale di " Per la nascita di Gesù" , subendo varie riedizioni e modifiche.

Nel , stremato dalla fatica e ammalato, per ordine dei superiori gli fu imposto un periodo di riposo ad Amalfi. Il 9 novembre del nella cattedrale di Scala il nascente Ordine dei Redentoristi iniziava il suo cammino.

Quanno nascette Ninno

Era solito recarsi in una piccola grotta non molto distante dalla Cattedrale, oggi chiamata proprio Grotta di Sant'Alfonso, per pregare, meditare e far penitenza; in quel luogo egli ricevette molte volte le apparizione della Madonna.

Per rimanere costantemente aggiornati con le notizie del Vescovado, in tempo reale sul tuo smartphone, scarica la App! E' una frase di Sant'Agostino. La si incontra lungo una via centrale di Ravello, insieme ad altre, che il signor Borgese